Il software open-source Home Assistant può essere collegato all’assistente vocale di Google, attraverso l’apposita integrazione, e grazie ad esso può creare una serie di automazioni e aiutarti nella gestione della casa smart.

Vediamo nello specifico quali sono le potenzialità di questa integrazione e come possiamo utilizzare Google Assistant in casa, abbinandolo alle funzionalità di Home Assistant. Il tutto ovviamente con il supporto di Easykon for MyHome oppure Easykon for KNX.

Quante volte ti è capitato di andare in ufficio e lasciare a casa il pranzo, in frigo o addirittura sul tavolo, prima di uscire?

Immaginiamo questa scena: è mattina, e come al solito ti stai preparando per andare al lavoro. Vai in cucina per fare colazione e, una volta aperto il frigo, senti una voce che ti dice “Ricordati il pranzo!”: a quel punto recuperi dal frigorifero il tuo tupperware con il pranzo per il giorno stesso, e lo metti nello zaino che usi per andare in ufficio.
La suddetta voce ovviamente proviene dall’assistente vocale di Google; in alternativa puoi azionare l’avviso vocale quando stai per uscire di casa, per assicurarti di non lasciare il cibo sul tavolo.

Com’è stato possibile attivare questa azione?

Per installare l’integrazione di Google su Home Assistant, accedi al menu Configurazioni, procedi alla pagina Integrazioni e seleziona “Aggiungi integrazione”; cerca tra le integrazioni disponibili “Google Cast” e clicca su Continua. A questo punto avrai a disposizione le entità di Google direttamente dalla home page di Home Assistant.

È sufficiente creare un’automazione inserendo come trigger l’accensione delle luci della cucina (presenti in Home Assistant grazie all’integrazione Freedompro), tra le 7.00 e le 8.00 di mattina, e in risposta a questo evento si azionerà lo speaker di Google che pronuncerà le parole “Ricordati il pranzo” nel momento in cui si accorgerà che la stanza è illuminata.

Puoi dare un nome alla tua automazione, ad esempio “Ricordati il pranzo”, impostare come condizione la sua attivazione solo nei giorni da lunedì a venerdì - tramite sensori o accensione delle luci - e aggiungere l’azione come servizio TTS. Scegli il dispositivo Google Home che pronuncerà il messaggio, scrivi la frase che desideri sentire e seleziona la lingua dell’assistente vocale.

Tutto questo è reso possibile dalla connessione di Easykon a Home Assistant, che ha permesso che le luci comparissero nell’interfaccia e potessero fare da trigger con la loro accensione. Con Easykon for MyHome ed Easykon for KNX è possibile creare numerosi scenari di questo tipo.

Semplice, no?
Continua a seguirci per scoprire nuove automazioni che miglioreranno la tua vita!

Italiano